Luisa Bresolin: l’artigiana muratrice dell’architettura

In design, giovani, interior design

I suoi occhi vedono la bellezza nascosta di case vecchie, tutte da rifare. E lei le rifà, completamente a mano. Laurea con lode in architettura, esperienze in studi in Canada ed Australia, E capisce di preferire martello e spatola al mouse, per lavorare direttamente con i materiali. Decide di trasferirsi in Croazia dove ristruttura, da sola, una prima casa che rivende subito. E da lì il successo anche in Italia di questo scricciolo di ragazza, poco meno che trentenne, bella e simpatica, tutor a Detto Fatto, ma soprattutto brava ed intraprendente: ecco a voi Luisa Bresolin, una “muratrice”, come si definisce lei.


Il suo mondo è fatto di materiali, scalpelli, trapano, levigatrice, pietre, legno, martelli, chiodi, colla. Ma soprattutto, è un mondo fatto di un prima e di un dopo di un ambiente, di una casa, di una stanza. Luisa Bresolin ha indubbiamente questa capacità: non si lascia intimorire dalla polvere di una vecchia casa abbandonata, dalle crepe sui muri, da un intonaco fatiscente. Per lei è una sfida ed i suoi occhi già disegnano con la testa, e poi con le mani, un progetto, che sarà realizzato da lei personalmente. Come una muratrice. E così, il prima ed il dopo la “cura Bresolin” di una qualsiasi casa è spiazzante.

Per intenderci, questa è una foto che Luisa mi ha mandato: è la mansarda della sua prima casa sottoposta alla sua “cura”. Questo è il prima:

progetto-1_mansarda_prima Bresolin

Questo è il dopo:

progetto-1_mansarda_dopo Bresolin

Già. E tutto fatto a mano, con una cura ed un amore per il proprio lavoro, uniti a competenza, senso estetico e tanta forza! Facciamoci aiutare a capire meglio quel che realizza con uno dei suoi video, dedicato alla sua prima ristrutturazione, in Croazia, a Rovigno:

Ma andiamo per ordine. Dal Politecnico di Milano in Croazia passando per il Canada e l’Australia. Ed anche in TV!

Oggi Luisa ha poco meno di trent’anni e si trova in Croazia, nella meravigliosa Rovigno, in Istria (anche se si definisce “nomade” in questo periodo per quanto gira per impegni di lavoro). Ma in realtà lei ha origini venete e si laurea con lode in Architettura al Politecnico di Milano e già durante gli studi sfrutta l’opportunità di volare a Melbourne, in Australia, con un progetto Erasmus. Torna in Italia, si laurea ma la valigia era già pronta per andare in Canada, dove lavorerà per due anni e mezzo, dietro un computer e per progetti molto “moderni”.

luisa_fotolavorocanada_11 Bresolin

Così mi racconta Luisa:

luisa_fotolavorocanada_8 Bresolin

Essendo italiana mi rendevo sempre più conto di quanto noi siamo circondati da storia e dalla bellezza. In Canada realizzavo progetti troppo moderni ed io ho la storia nel DNA.

luisa_fotolavorocanada_10 Bresolin

Quindi poi hai deciso di tornare.

Sì. Sai, quando lavori con i materiali, ne percepisci la storia, mentre creare ex novo senza un’anima non era per me, non mi rendeva felice. Così sono andata a Rovigno, in Croazia, dove ho comprato un appartamentino antico che ho ristrutturato praticamente da sola e che ho rivenduto. Poi sono venuti due altri appartamenti. Intanto ho mandato il mio video a Detto Fatto e mi hanno scelto come tutor e ad oggi lavoro anche per delle residenze private in centro a Milano ma anche in Sicilia.

Luisa Bresolin a Detto Fatto

Luisa Bresolin a Detto Fatto 2

Muratrice sì, ma con gusto e senso estetico

bagno-prima Bresolin bagno_dopo Bresolin

Sembra che le sue mani non temano alcuno strumento. E con femminilità e garbo, Luisa si lancia in attività spesso relegate al mondo maschile, facendosi aiutare solo da un idraulico, un elettricista e da muratori per i lavori più pesanti. Ma quale sarà il suo segreto? Come fa a trasformare completamente un ambiente tutto in “fai da te”? Glielo chiediamo:

parete-sala_prima Bresolin parete-sala_dopo Bresolin

A me piace fare le cose fai da te. Quando ero piccola, mio nonno mi ha introdotto un po’ a questa mentalità. Nelle ristrutturazioni senti i materiali, li vedi, li tocchi, ne percepisci la storia e poi, dopo queste mie esperienze, ho capito che tutto nasce sporcandosi le mani, dal basso. Dopo, al massimo, contestualizzi quello che hai fatto: ad oggi, ho capito mille cose che prima rimanevano solo a livello teorico.

ingresso_prima Bresoliningresso_dopo Bresolin

Sei stata in altri due continenti ed hai avuto la possibilità di toccare con mano quanto valga l’artigianalità ed il made in Italy. 

Sì, e devo dire che siamo più apprezzati all’estero per il made in Italy. All’estero hanno una visione dell’Italia come qualcosa di meraviglioso. E poi noi non ci rendiamo conto della qualità, anche dello stesso design made in Italy, perché siamo soliti dare tutto per scontato.

progetto-1_bagno_vista-2_prima Bresolin progetto-1_bagno_vista-3_dopo Bresolin

A meno di trent’anni e con delle esperienze oltre il nostro continente, come mai la decisione di investire su se stessi?

Ce l’avevo dentro. Certo, per raggiungere il livello economico che avevo in Canada devo lavorare tre volte di più, ma la mia era un’esigenza fisica. Quel che faccio assomiglia ad una bottega rinascimentale: dal progetto alla messa in opera.

Luisa, tra materiali e progetti futuri

soggiorno-sala_prima Bresolin soggiorno-sala_dopo Bresolin

È indubbio che Luisa abbia una marcia in più. E così come si è messa in gioco nella vita lanciandosi in un’attività innovativa e “rinascimentale”, si butta a capofitto nei lavori di ristrutturazione, con grande gusto e senso estetico, “parlando con i materiali”:

progetto-1_scale_prima Bresolin progetto-1_scale_dopo

Le pietre, i mattoni antichi hanno un’energia che ispira. Certo, ci vuole anche gusto, senso estetico, nel senso che in ogni ambiente devi capire qual è lo stile, giocando con l’equilibrio ed il bilanciamento. Quando lavoravo in Canada, devo dire, usavamo molto materiali italiani, come il Marmo di Carrara.

A quale progetto sei più legata?

Sicuramente al primo, alla prima casa di Rovigno. L’ho fatta tutta io e l’ho venduta dopo tre mesi perché quasi non ce la facevo a distaccarmi.

progetto-1_soggiorno_prima progetto-1_soggiorno_dopo

E quali sono i progetti per il futuro?

Ora in Croazia sto partecipando alla costruzione di nuove case ex novo che però abbiano continui richiami italiani ed elementi classici. Poi ho diversi progetti in Italia ed all’estero che continuo a seguire.

Dunque, riassumiamo. UNa ragazza intraprendente, laurea con lode ed esperienze internazionali che preferisce lavorare con le mani oltre che con la testa, invece di rinchiudersi dietro un computer, per far risplendere la bellezza anche da una singola pietra. Perché “La bellezza delle cose esiste nella mente di chi le osserva” (David Hume).